Gran Paradiso con sistema OLYMPUS m4/3

 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Dopo venticinque anni di utilizzo esclusivo di materiale fotografico Nikon, da circa un mese ho deciso di operare un cambiamento radicale, finalizzato alla riduzione di costi e  pesi. Le tante salite in neve fresca degli ultimi mesi mi hanno fatto capire che, in certe situazioni, un corredo più leggero può realmente fare la differenza.

A questo punto, però, era necessario capire se e quanto una riduzione di pesi avrebbe influito negativamente sulla qualità. Ho cercato di informarmi su opzioni diverse, fino a decidere di scegliere il sistema mirrorless Olympus micro 4/3.

Perché questa scelta? Innanzitutto ho avuto modo di parlare con chi già utilizza da tempo questo materiale fotografico, poi ho contattato direttamente la casa produttrice e mi sono letto un bel po’ di recensioni in rete.

Venduto a malincuore l’ottimo Nikkon 200-400 f4 VR2 e poco dopo la meravigliosa Nikon D500, ho reinvestito tutto nel nuovo materiale (andando perfettamente in pari).

Ora utilizzo:

OLYMPUS M1 mk2

OLYMPUS 12-40 f 2.8 PRO

OLYMPUS 40-150 f 2.8 PRO

OLYMPUS 300 f4 PRO

OLYMPUS 1.4x

Dopo qualche prova nelle campagne attorno a casa, per familiarizzare con i nuovi materiali, il workshop tenuto dall’amico Bruno De Faveri (con cui collaboro) nel Parco Nazionale del Gran Paradiso è stato l’occasione per testare realmente macchina e obiettivi in situazioni per me abituali, che mi avrebbero fornito termini di paragone attendibili.

_4270173

La prima impressione è eccellente: i comandi della M1 mk2 consentono di variare le impostazioni in modo rapido e preciso. La raffica è mostruosa e permette di cogliere ogni singolo istante della scena. Le ottiche hanno una nitidezza strepitosa. A livello di qualità del file non ho notato alcun peggioramento rispetto alla D500 (ok …  la 810 che ho ancora gioca un altro campionato, infatti l’ho tenuta per usi particolari).

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

Premesso che sono proprio incapace per quanto concerne la postproduzione degli scatti, credo di non aver notato limiti particolari. Lo stabilizzatore consente di scattare scene statiche ad iso bassissimi e tempi molto lenti (la foto dell’acqua del torrente Orco è a 1/2 secondo a mano libera a focale equivalente a 300 mm…).

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il 300 può essere utilizzato quasi come un macro. avendo una distanza minima di messa a fuoco di 1.4 metri. Le ottiche sono costruite in modo accurato, sono tropicalizzate e davvero nitide.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

Forse un limite, in alcune situazioni, potrebbe essere l’aumento della profondità di campo dovuta a questioni puramente fisiche di dimensione del sensore. In alcune circostanze, peraltro, questo potrebbe addirittura essere un pregio. Certo, ottenere lo sfocato cremoso di una FF con 300 f 2.8 fisso è e forse rimarrà un’utopia. Ma non è detto … .

In conclusione, il primo impatto serio è stato davvero positivo. Vedremo gli sviluppi … .

_4270296

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...